Riccardo Covino – un cortometraggio in cg – parte 4

Per l’illuminazione delle scene del progetto APA è stato chiamato Riccardo Covino, che vive a Torino. Il suo lavoro è stato quindi quello di prendere le scene in Bender 2.49 e illuminarle. Ha elogiato l’organizzazione a librerie del progetto, che gli ha permesso di maneggiare files leggerissimi. Per l’illuminazione ha usato un modello non fisico, che è impraticabile a livello di computazione, soprattutto con Blender 2.49 che non ha un motore di rendering particolarmente ottimizzato. E’ anche stato detto che le versioni successive di Blender invece hanno un motore di rendering molto migliore, che permette anche la global illumination. Quindi, per non appesantire esponenzialmente il rendering, Riccardo ha evitato global illumination e ray tracing. Quindi? Riccardo ci ha raccontato la serie di trucchetti del mestiere che ha sfoderato in questo caso.

  • sì alla postproduzione: rifare un rendering è spesso una spesa maggiore di postprodurre una sequenza per cambiare il colore della luce o il contrasto.
  • luci diverse per inquadrature diverse degli stessi soggetti (no fisicamnte corretto): un primo piano ha luci specifiche, una panoramica sullo stesso personaggio ha luci completamente diverse. Basta che funzioni. E che non appesantisca. Ad esempio per un primo piano del personaggio in una condizione luminosa di tramonto, Riccardo ha scelto di usare un cielo dipinto (non luminoso) e di dare le sfumature blu, arancioni e rosse alla luce che colpisce il personaggio tramite tre spot piccole e vicine al volto.

I trucchetti più suggestivi riguardano la scena notturna della panoramica sulla città di oggi:

  • per fare i fari delle automobili in lontananza ha creato una serie di puntini luminosi in moimento. Da un lato luci bianche, dall’altro luci rosse. Per farlo ha creato e animato un segmento per ogni senso di marcia suddiviso da tanti vertici. Ha poi reso halo questa mesh. In questo modo solo i vertici sono diventati puntini luminosi. Da lontano è proprio perfetto!
  • per creare le finestre luminose che spiccano contro l’oscurità della notte ha reso luminose le mesh delle finestre.
  • come fare le ombre senza usare il ray tracing? Riccardo ha messo accanto alle lampade principali -quelle, quindi, che si suppone creino ombre- delle lampade che non proiettano luce ma esclusivamente ombra (only shadows).
  • per la panoramica della città di notte dall’alto ha creato delle luci un po’ particolari, colorate con un gradiente giallo-nero. Posizionando correttamente il gradiente rispetto agli edifici si ottiene l’effetto di luce all’altezza del piano terra che sfuma pian piano verso l’alto, visibile in questo rendering (che non è definitivo).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...